Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 3) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-3]

Seite: 361
DOI Seite: 10.11588/diglit.28022#0369
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd3/0369
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
SOPÏIA l’ OpER-A in Musica . ?0 ï

l'epiicar sempre cosi appuntino la medesima
cosa : ed egli par ragionevole, che si abbia
a lasciare un po’di campo aperto alla scien-
za alla fantasia e all’ afsetto del cantore; ma
dall’ altra parté troppo diffîcilmente incom
tra, sia per ignoranza, sia per disordinata
roglia cli piacere, ch’ egli sappia o pur vo-
glia starsene legato al soggetto, e non ne
esca fuori scordatosi di ogni decoro e di
ogni verità. Per cento rapsodisti di luoghi
comuni, o d’ infarcitori di ciô che rneno
conviene, ne riesce a gran fatica un solo,
che con la dottrina riunisca il gusto, con
l’eleganza la naturalezza, e in cui la pro-
pria discrezione imbrigli la fantasia. A quei
pochi, che amo singolarmente Âpolio, sie-
no 'permessi i supplementi del loro ; coine
a cjuelli che possono entrare nella intenzio-
ne del eompositore, e non sogliono aver
dispareri, come si clice, col basso, e coll’
andamento clegli strumënti. A tutti gli.al-
tri ci provegga il maestro, scrivendo per
loro ognicosa, guidandogli a mano in ogni
mutazione in ogni passo. Per le stesse ra-
gioni non si vorrebbe cosi indifserentemen-
te, come si pratica, abbandonare al musi-

co
loading ...