Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 3) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-3]

Seite: 368
DOI Seite: 10.11588/diglit.28022#0376
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd3/0376
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
568 S A G G 1 o

di rado , che ne’nostri ballerini si trovi con-
giunta con la grazia la forza della persona, la
mollezza delle braccia con Fagilità de’piedi ;
ed appai’isca quella facilità nei movimenti,
senza la quale il ballo è di fatica a quelli
ancora che stanno a vedere. Sebbene que-
sti non sono che i rudimenti della danza?
o piuttosto la parte materiale, a voìersi piii
propriamente esprimere . II compimento, o
la fornra di essa ètutt’altra cosa. La dan-
za deve essere una imitazione, che per yia
de’ movimenti musicali del corpo si fa del-
le qualità e degli affetti dell’ animo ; eila
ha da parlare continuamente agli occhi, ha
da dipingere col gesto : e un ballo ha da
avere anch’esso la sua esposizione il suo no-
do il suo scioglimento, ha da essere un com-
pendio sugosissiipo diun’azione. Su questo
andare è per esempio il ballo del giocatore
composto sopra una bellissima aria del Jo-
melli; nel quale vengono mirabilmente es-
pressi gli avvenimenti tutti del grazioso in-
termezzo , che porta quel nome. E veramen-
te nel comico, o sia grottesco, sonosi ve-
duti tra noi dei balli degni di applauso, ed
anche dei ballerini, che ayeano, come dis-

se
loading ...