Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 3) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-3]

Seite: 389
DOI Seite: 10.11588/diglit.28022#0397
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd3/0397
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
sopRA l’Opera in Musica . 58g>'

Rtta di ogni altra, quando ò percossa clal suo-
no , a concepir quella maniera cli yibrazio-
ni, clie meglio si confanno cogli organi
deirudito. In effetto metteyano gli antichi
ne’ loro teatri i vasi cli bronzo, afsine di
aumentare la voce degìi attori, quando es·*
si teatri erano di materia dura, di pietra
di cementi o di marmo, che sono cose che
non possono risuonare ; laddove di tale ar-
tifizio non abbisognavano in quelli che era-
no fatti di legno, il quale forza è , come
dice espressamente Yitruvio (1), che renda

suo-

(1) Itaque ex his indagationibus mabhema-
ticis rationibus fiunt vasa cerea pro ratione
magnitudinis theatri - - - Oicet aliquis for-
te , multa theatra Romce qjcotannis facta es-
se, neque ullam rationem earum rerum iii
his fuisse ; secl erravit in eo , quod omnict
puhlica lignea theatra tabulationes hahenb
complüres , quas necesse est sonare - - Cunt
ciutem ex solidis rebus theatra constituuntur ,
idest ex structura ccemêntorum , lapide ,
marmore , quce sonare ?ion possunt, timc exi
his hac ratione simt explicanda .

Vitruv. lib. Y. eap, 5,

B b 3
loading ...