Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 3) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-3]

Seite: 393
DOI Seite: 10.11588/diglit.28022#0401
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd3/0401
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
50PRA l’Opera in Musica . 3g5

anch’ essi del dolce inganno , a cui nelle
sceniche rappresentazioni ordinato è ogni
cosa. Ed ecco che si contravviene diritta-
mente all’intendimento della rappresenta-
zione > e se ne toglie via Γ esfetto > distac·»
cando £,li attori dal rimanente della deco-
razione , e trasportandogli di tra le scene
nel bel mezzo della platea. La qual cosa
non può farsi > ch’ e’ non mostrino il Jtian-
co > e non voltino anche le spalle a buo°
na parte deH’udienza > e non seguano tali
altri inconvenienti ; che ciò che si era pre-
so per un compenso, diviene una sconcia-
tura grandissima .

A far si che in un teatro> per grande
ch’ ei fosse, vi si potesse ciò non ostante
comodamente udire> hanno ancora avvisa-
to taluni > che molto vi facesse la figura
interna di esso teatro . Per isciogliere un.
tal problema sonosi di molto lambiccati il
cervello . Ma senza dare gran travaglio alla
geometria hanno finalmente prescelto fra
tutte le figure quella della campana, che
piace loro di chiamar fonica . La bocca
della campana risponde alla imboccatura
della scena; e il palchetto di mezzo viene

ad
loading ...