Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 3) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-3]

Seite: 394
DOI Seite: 10.11588/diglit.28022#0402
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd3/0402
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
5g4 S A G G I o

ad esser posto coìà, donde nelia campana
è sospeso il battaglio . Quale sia il fonda-
inento di così rafiìnata invenzione, è faci-
le a vedersi ; la similitudine cioè, o l’ana-
lo gia, che immaginarono doversi trovare
tra il suono re.so dalla campana, e la figu-
ra deila campana che il rende . Ma egli è
anche facile a conoscere , cpaale sia di tal
fondamento la saldezza. La figura concava
della campana con qmelle sue labbra che
mettono all’ infuori, è attissimà. a spande-
re per ogni verso il suono del battaglio,
che batte in su quelle labbra medesime: e
sospesa ch’ella sia d’alto, mette facilmen-
te in agitazione il mare cl’aria, che le è
d’intorno. Ma che per ciò? dovrà la voce
del cantore, posto quasi nella bocca della
canrpana del teatro, fare gli stessi effetti
nelle interne parti di essa? Ciò potrebbe
per avventura trovar fede presso a coloro,
che credeva.no, dover correre di gran pe-
ricoli in acqua chi era nato sotto il segno
dell’acquario ; che prescrivevano a’tisici il
giulebbo del polmone cli questo o quello
animale, alle partorienti la rosa di Geri-
co -, e tenevano siniili altre illazioni per h-

gliuo-
loading ...