Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 3) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-3]

Seite: 404
DOI Seite: 10.11588/diglit.28022#0412
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd3/0412
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
4°4 S A G G I O

da Aristotile nella poetica (1). Dove ho
seguito Racine, rni son servito, per quan-
to lio potuto, delle sue parole medesime ;
e dove Euripide, clella traduzione del Bru-
moy, ben sicuro, che il poeta greco non
si poteva meglio esprimere in francese ,
3ΝΓel rimanente ho procurato supplire col
mio di maniera, che il lavoro non doves-
se aver sembianza di musaico parte com-
posto di pietre dure , e parte cli pezzuoli
di vetro. Da somiglianti saggi, che danno
corpo alle idee, e le pongono meglio in
luce , potrà anche ognuno recarne un pih
fondato giudizio ; vedere se elle sono pra-
ticabili o no , e se io non fo per avven-
tura come colui, il quale dopo date le più
belle regole del mondo sulla tattica , non
sapeva poi far fare a diriua a una piccio-
la rnano di moschettieri,

(l) EVi Sz ’irapxS'e/y^x Ίτονηρίας μζν . . ,
τ» sê' άνωμχλα s ζν à.uXiS't ίφιγίνιχ , î’jS'îv yxp
ίοικρ r/ ίχίτζΰασχ τί/ ύ.ς-ζ ρφ.
loading ...