Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 4) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-4]

Seite: 14
DOI Seite: 10.11588/diglit.28023#0022
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd4/0022
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
l4 Saggio sopra la necessita*

Europa , che sapeva divenir cittadino cli ogni
paese » Ennio per possedere tre lingue di-
ceva di avere tre cuori (1). Diis geniti po-
tuere,

Non pochi begli ingegni francesi tentaro"
no nel passato secolo di comporre nella no-
stra lingua, quando le cose italiane erano
di là da’ monti in tanta riputazione, che
non era tenuto gentile chi non sapeva del-
ie nostre maniere, non dotto chi non avea
gran dimestichezza co'nostri autori. Yenne
fatto a quel tempo acl alcuni Francesi di
raccozzare a forza d/imitazione un qualche
componimento , che aveva assai di sembian-
za, e anche di genio italiano. Tali sono ,
tra parecchj altri esempj che addurre se ne
potrebbono , le vite cli Lionardo da Yinci
e di Leonbattista Alberti scritte da Raffael-
lo Dufresne, e alcune cose singolarmente
del Menagio (2). Pochi de’ nostri uomini

furono

(1) Q. Ennius tria corda habere sese dice-
bat, cjuod locjui grcece osce et latine sciret.

Aul. Gel. Noct. Att. lib. XYI. cap. 17.

(2) Assai grazioso tra gli altri e quel suo raa-
drigale :

O stra-
loading ...