Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 4) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-4]

Seite: 20
DOI Seite: 10.11588/diglit.28023#0028
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd4/0028
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
£0 SaGGIO SOPR.A LA NECESSITA'

della lettura clegli scrittori, e de’migliori
iibri che ne dieno le regole. Con tutto il
5uo ingegno e il suo studio, commette in.
parlando di non piccioli errori; per esem-
pio si serve della parola citè, dicendo la
tcùè de Rome dove conviene dire la ville de
Jdome ; dice le pont nouveau, e va detto
le pont neuf ; e cade in simili altri barba-
rismi, dando di che ridere a un francese ?
col quale s’ intrattiene. Si mette costui a
correggerlo ; Orazio a difendersi : replica il
Francese, e a tutte le autorità addotte in
suo favore dal Poeta latino egli va contrap-
ponendo le leggi sovrane dell'uso corrente,
che è il vero padron delle lingue,
quem penes arbitrium est, et jus, et norma
loquendi :

e Orazio sconfitto dalle proprie sue armi
ammutolisce , e colle trombe nel sacco se
ne torna a raggiugnere i suoi compagni
nella beatitudine dell’eliso.

Ma senza andar dietro agli apologhi e
alle finzioni, di tale verità ne siamo te-
stimonj noi medesimi in Italia . E non si
vede egli bene spesso, che le scritture di
ejuei E.ostri Italiani, i quali, senza voler

bada-
loading ...