Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 4) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-4]

Seite: 27
DOI Seite: 10.11588/diglit.28023#0035
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd4/0035
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
m SCRIVERE NELLA PROPRIA LINGUA . 2.J

di Dante sarebbe cosi vivo , cbe si trasfor-
ma nelle cose medesime , s’egli avesse di-
steso il suo poema in latino . E ben si po-
trebbe dire di lui ?

che la dritta 'via era smarrita ,

<|uando egli avesse proseguito giusta cjsuel
suo principio :

Infera regna canam supero contermina mundo.
Che se a cagione del poema latino dall’Af-
frica fu coronato il Petrarca in Campido-
clio , conviene considerare , che ciò avven-

O 7 7

ne in tempi, che il raccozzare pochi versi
in quella lingua era tenuto a miracolo : e
la verità si è , che il Petrarca non per al-
tro è famoso letto e studiato, che per le
sue rime volgari.

Degna adunqne di somma lode (per quam
to in favore clella lingua latina vadano pre-
dicando gli Alcli, i Pmmoli Amasei, ecl al-
tri simili invasati nell’antichità) è la usan-
za, che si va di dì in dì facendo più co-
mune , che ogni scrittore , là dove special-
mente gioca la fantasia, scriva nel rnatei’-
no suo linguaggio . In esso solamente gli è
conceduto di esercitare tutte le sue forze ,
di spiegarle con franchezza e cüsinvoltura ;

come
loading ...