Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 4) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-4]

Seite: 32
DOI Seite: 10.11588/diglit.28023#0040
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd4/0040
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
sima : quasì a quel modo che gli abitand
della luna potrebbono del nostro gloho de-
scrivere una mappa molto più esatta , che
fare non si può da noi stessi, che lo abi~
tiamo .

Non ardirei dire, che a me forestiem
nella lingua francese fosse avvenuto lo stes-
so nel ragionare di quella : dirò bene , che
conversando co piu dotti Francesi, e rivol-
gendo le opere loro, potei conoscere a pro-
va, che certe considerazioni da me fatte
sopra le forze la portata e V indole di quel*
la lingua non discordavano punto da quan-
to in tal proposito essi sentivano ; essi, che
con la scorta della dottrina uscendo fuori
del proprio paese, e potendolo in certa ma-
niera meglio considerare, erano in istato
di parlare senza passion d' animo delle co-
se loro , e cli recarne un sano e fondato
giudizio .

Ora queste medesime considerazioni io le
pongo sotto gli occhi di lei, SIGNOR. MAR-

CHE-
loading ...