Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 4) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-4]

Seite: 36
DOI Seite: 10.11588/diglit.28023#0044
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd4/0044
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
56 SaGGIO SOPPiA

abbia a chiamare ferma e compiuta , quan»
do in essa sorgono scrittori tali , che si nel-
la prosa come nel verso vengano a dare
espressione per ogni cosa e per ogni con-
cetto . E ciò appunto è avvenuto in Ita-
lia ? dove dal bel principio sorse un Dante
con quel peregrino suo poema ? nel quale
imprese a descrivere fondo siccome egii
dice , a tutto suniverso . Oltre alF esser
egli stato secondo i suoi tempi in ogni ge-
nere di dottrina versatissimo , sicchè avea
fatto in mente grandissimo tesoro di cose,
e oltre ali’aver sortito per vestirle di belle
immagini una fantasia oltre ogni credere
vivace e gagliarda ; ebbe una discrezione
somma neli’ accattare e scegiiere da tutte
parti d’Italia i più accomodati modi da e-
sprimerle : onde meritamente di nostra lin-
gua è chiamato padre e re ; come quegli,
che non avendo predilezione più per una
provincia che per un'altra, ne ridusse le
varie favelle come in un corpo solo , e le
particolari ricchezze di quelle voile rende-
re a tutta Italia comuni . E nel medesimo
secolo apparirono dipoi, per non pariar dei
.Viilani del Passavanti e di parecchj altri
loading ...