Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 4) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-4]

Seite: 47
DOI Seite: 10.11588/diglit.28023#0055
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd4/0055
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
LÀ LiNGUA FrAUCESEi 4 7

Montagna forse egualmente licenzioso nel-
lo scrivere che libero nel pensare , domi-
nato in ogni cosa dalla calda sua immagi«
nativa ; Malherbe regolatore della poesia ;
e Balzac vivente a quei giorni, cbe avea
pres0 a regolare la prosa francese , orator
gonfio e pieno di vento , come Malherbe
era poeta secco e vuoto di sugo. Quell’
autore, da cui ha principio l’epoca lette-
raria della Francia, il gran Cornelio, non
era ancor giunto al coimo della celebrità
sua ; incominciava solamente a quel tem*
po a far hgura trasportando nel teatro fran-
cese le ingegnose invenzioni dello spagnuo-
lo , Non era ancora venuto in scena Pm-
cine , che arricchi quel teatro delle spo-
giie dei Greci , scrittore elegante e puris-
simo , a cui erano cosi note ed agevoli le
vie del cuore ; non la Fontaine , che con
tal naturale finezza seppe nelle sue favoie
far parlare gli animali ; non Pascal, uomo
eloquentissimo , i cui scritti da un secolo
in qua non hanno invecchiato neppure di
una parola ; non Despreaux chiamato il
poeta della ragione, che la bile di Giove-
nale seppe talvolta correggere col grazioso

stile
loading ...