Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 4) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-4]

Seite: 66
DOI Seite: 10.11588/diglit.28023#0074
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd4/0074
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
Saggio s o p r a

ya abbastanza maneggevole , nè atta a rb
spondere a una forte immaginativa (1), avea
certamente più varietà più vivezza e più
schiena che non ha presentemente.

Seinbra ch’ella fosse a quei tempi più
convenevole al genio e all’indole della na-
zione , che in essa parlava . Nè già niuno
potrà maravigliarsi abbastanza come una lin-
gua cosi regolata cosi ristretta cosi timida,
quale ella è ridotta presentemente, sia nel-
le bocche di una nazione cosi viva pronta
e animosa, quale è la francese. Sarà que-
sto per avventura uno de’più illustri esem-
pj della forza, che ha la legislazione di
vincer la natura . Malgrado la indole della
nazione , malgrado le doglianze de’più ce-
lebri scrittori , tenne fermo 1 accademia
quasi una letteraria cittadella posta sopra
1’ingegno e la fantasia della nazione , e
piantata nel Louvre. Fondata dal Re in

tem-

(i) Je le trouve ( le langage françois ) suf-
fisarnmenk abondank , rnais non pas marnant
ek vigoreux susfisammenk : il souccombe sou-
venk à une puissanke concepkion ekc.

Essays liv. III. chap. 5.
loading ...