Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 4) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-4]

Seite: 100
DOI Seite: 10.11588/diglit.28023#0108
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd4/0108
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
5 0 Ü S A G G r o

The beauteous Maicl, wiiorn he beheld. pos~
sess’d :

Conceiving, as she slept, her fruitful womb
SwelVd with the founcier ofimmortal Piome :

i quali versi diOvidio furono in parte imi-
tati dal Poliziano co’que’suoi:

Qnasi in un tratto vista amata tolta
Dal fiero Pluto Proserpina pure.
Veggasi in quanta moneta, a parlar cosi,
venga scambiato nella tanto celebre versio-
ne del Pope quel luogo di Omero espresso
da Virgilio coll’

..innuit, et totum nutu tremefecit olympum,

da Ovidio col cjui nutu concutit orhem, e
da Orazio col cuncta supercilio moventis (1).
II Dryden nel proeinio alla versione da lui
fatta clell’Eneide paragona la rima con un
vento transversale , che poco o assai fa sem-
pre deviare dal segno la saetta poetica. Tra

i moi-

(i) lo mi sono grandemente compiaciuto di
avere dipoi trovato il medesimo luogo del Po-
pe allegato come un fortissimo argomento con-
tro alla rima clal signor Daniello Webb neile
suc Ilejnarhs on tlie beauties of Poetry, libret-
to uscito in luce 1’ anno 1762.
loading ...