Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 4) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-4]

Seite: 109
DOI Seite: 10.11588/diglit.28023#0117
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd4/0117
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
SOPRA LA PuMA. 10g

maticale , e il potere con bel disordine
traspor le parole . Di tal privilegio , che
sa il pellegrino della espressione , e grazia
le acquista non picciola, godiamo , non
ha dubbio, noi altri Italiani, che è nega-
to ai Francesi ; ma per non essere varie
appo noi le desinenze de’casi , che termi-
nano tutti allo stesso modo, e soltanto
sono tra loro distinti dal segnacaso , è ri-
stretto tal privilegio dentro a certi conh-
ni . E però la nostra lingua non si modi-
Jsica per questo conto in quella tanta va-
rietà , che da essa trasposizion delle paro-
le ricevono la greca e la latina . Dal che
ne nasce , che le cose più semplici e co-
muni, solito argomento de’piccioli compo-
nimenti, ella non può atteggiarle colla tra-
sposizione, come non puo colorirle cpll’ar-
monia , in tanti modi, nè tanto nobilmen-
te e graziosamente esprimerle , cpuanto po-
tean fare i Greci e i Ilomarxi, ai quali
diedero le muse di parlare con bocca più
rotonda . I componimenti adunque fatti di
simili versi, se non sono rimati, dànno
troppo facilmente nel prosaico , quanto all’
atteggiamento ed al rmmero, come potrà

ognu-
loading ...