Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 4) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-4]

Seite: 111
DOI Seite: 10.11588/diglit.28023#0119
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd4/0119
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
111

SOPRA LÀ RIM A.

Del mio sol son ricciutegli
I capegli,

Non biondetti, ma brunetti;

Son due rose 'vermigliuzze
Le gotuzze,

Le due labbra rubinetti ec. ;
a quella del Rolli :

E» Sai tu dirmi, o fanciullino,

In quai pasco gita sia
La 'Vezzosa Egeria mia,

Ch’ io pur cerco dal mattino?

P- II suo gregge e qui 'vicino;

Ma pur dianzi a quella via
Gir Vho vista , e la seguia
Quel suo candido agnellino .

E, m v er alt.ri che V agnello ?

P. Sovraggiunsela un pastore.

E. Ahi fu Silvio .

P. Appunto quello :

Ma tu cangi di coiore ?

E, Te felice , o pastorello,

Che non sai che cosa è amore ;
quanto di grazia , dissi, non si torrebbe a
somiglianti composizioni, e alle canzonette
sovra tutto di quel felice ingegno del Me-
tastasio, chi ne togliesse via la rima ? 01-

Q

tre
loading ...