Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 4) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-4]

Seite: 131
DOI Seite: 10.11588/diglit.28023#0139
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd4/0139
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
strò chenongli dispìacessero, prìncipahnen-
te per questo. che , quantunqüe comthiudes-
sero il medesimo, non sì scontravano punto
con quelli dçW autorc inglese . Basta dirvi,
c/?e Tioji convenivano, salvo che in due so~
le cose spettanti al regno dì Momolo. Del
cheio presinon picciola maraviglia ; ecl aui-
che, seho a clire il vero, fui talora tenta-
to di pubblicare il mio scritto : se non che
mi parve, che non fosse da moltiplicare itz
iscritture sopra nu punto già discusso d.a al~
tri, benchè in un modo diverso dal mio.

Anzi auesto mio Sae:eio non lo avrebbc

/ OO

forse pià veduto persona, se voi non me lo
aveste fatto ripescare trci rniei scartabelli que-
sti passati clì. ïmhgliatolo adunque per ma-
no, ho cercato di rasfazzonarlo, onde ren-
derlo meno indegno di comparire dinanzi a-
voi. Nulla però vi ho ciggìunto, quanto al-
la sostanza delle cose, acciocchè tale si ri-
manesse, quale voi il vedeste a quel lern-
po, che io cresceva in Bologna sotto la di-
sciplina vostra, e cli quelV altro lume d' Ita-
ha Eustachio Manfrecli, la cui memoria mi
loading ...