Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 4) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-4]

Seite: 139
DOI Seite: 10.11588/diglit.28023#0147
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd4/0147
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
DE'PiEGNI Be’Re DI RoMA. 1OQ

ne ragioni particolari cavate appunto dagli
storici , e niassimamente da Tito Livio ,
che , secondo il poeta, non erra (1) : do-
ve si mostrerà , che , a voler ritenere i
fatti riferiti da esso iui , è forza rigettar
le epoche che egli vi assegna ; chi non
volesse ammettere (che niuno il vorrà) cer-
te inverisimilitudini, ed anche ripugnanze ,
che risultano da’suoi racconti inedesimi, e
da quella sua cronologia .

E incominciando da Romolo che regnò
trentotto anni (2), le g'esta di lui furono
le guerre contro ai Sabini , che ridoman-

da-

(1) Come Livio scrive che non erra.

Inf. canto 38.

(2) Romulus septem et triginta regnavit
annos .

Tit. Liv. decad. I. lib. I.

AîyîTKl (N P'aif.CVKOi Ti-jTapU sizv ZTtl jcctl 7tîv~
th'MVTx yîyovoûs . oyi'oov S't (ZcunXzvw sxèvo xxi
•rputxoçov î\ ctvijpcoonvv ctyxviT$iïxxi .

Plut. in Rom. in sine .

Eedi anclie lo stesso nel principio della vita
tli JMuma .
loading ...