Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 4) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-4]

Seite: 146
DOI Seite: 10.11588/diglit.28023#0154
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd4/0154
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
i46 Saggio sopra la D URATÀ
risguarda piuttosto il tempo, in cui venne
a cadere il regno di Numa; e mi volgerò
a mostrar quelle ragioni, per cui si ha da
abbreviare il suo regno , Dal racconto di
Plutarco e di Livio si viene a raocogliere 7
come Numa nato nel paese de’Sabini era
in età di quaranta anni (1), quando dopo
la morte di Romolo e dopo un lungo con-
trasto per dargli un successore fu eletto
in re di Roma ; e che di così fatta elezio-
ne fu cagione principalissima il grande odo-
re ch’erasi sparso della di lui gapienza. Era
talmente chiara a quel tempo la giustizia,
ia religione di Numa, dice Livio (a) , la

scien-

(1) ùxxù yùp zros S'ioìtskSvti rp' N«/a«T
TîTsscepceKorôv ; îikov «Vo P'a>y,ns oi Trpîasias TrctpxKce-
xivns sVi tÌìv 0uanXauv ■

Plut. in Numa.

(2) Patrwn interim a?iùnos certamen regni
ac cupido versabat.

Tit. Liv. decad. I. lib. I.

Annuumcjue ìntervallum regni fuit.

Id. ibid, paulo post
loading ...