Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 4) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-4]

Seite: 158
DOI Seite: 10.11588/diglit.28023#0166
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd4/0166
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
lo8 SaGGIO SOPB.A LA DoRATA

alla iìne del regno di quello . Di fatto si
legge , che abbrancato Servio nel bel mez-
zo della persona, ìo si portò di peso fuor
della Curia , e gittollo giù per li gradi-
ni (i). Ora se a quarantaquattro anni del
regno di Servio aggiungiamo i venti circa
ch’ei doveva avere alla morte di Tarqui-
nio Prisco, e’verrà ad esser vecchio di ses-
santaquattro anni, allorchè climostrò tanta
gao'liardia .

D O

Finalmente siamo pervenuti ad esso Tar-
quinio Superbo , che fu I’ultimo re di Ro-

ma f

bie regnum possederab, Larnen , cjuia inter-
dum jactari voces a juvene Tarcjuinio au~
cliebat etc.

Id. ibid.

Quid te ut reginm juvenem conspici sinis?

Id. ibid

(i) Tum Tarcjuinius .... multo et aetct-
te et viribus validior medium arripuit Ser-
vium : elatunnjue curia in inferioreni pctrtem
per gradus dejicit.

Id. ibicl
loading ...