Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 4) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-4]

Seite: 165
DOI Seite: 10.11588/diglit.28023#0173
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd4/0173
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
ï>î Rnrtxi de’Re di Roma . i6S
Che s'abbiano adunque a levare molti ©
imolti anni a’ regni di questi re , è provato
abbastanza , cred’io , dalle repugnanze , che
manifestamente si scorgono nel voler corn’
porre insieme co’ tempi i fatti, e le altre
circostanze di auei medesimi reeni : la me-

JL O

moria dei quali fatti dovette con più sicu-
rezza esser conservata dalla tradizione, che
non fu da essa trasmesso quante volte s
mentre quelìi avvennero , tornô un piane-
ta al medesimo sito del cielo. Ed egli è
nell’istesso tempo provato abbastanza , co-
me, ristringendo le durate dei regni di
quei re sotto alla iegge della natura avver-
tita dal Neutono , facendogli cioè regna-
re presi insieme diciotto o vent’anni per
uno, tutte le difsicoltà e le inverisimilitu-
dini tutte degli storici vengono a svanire
In tal mocio Piomolo puô verisimilmente
avere operato quello, che operato pur ha $
Fautorità di un vecchio sapiente, come era
Numa, puè avere composto le parti, che
combattevano in Roma per lo principato ;
l’uomo cogli stimoli a fianco della vendet-
ta e dell’ambizione -non indugia di troppo
a soddisfare a cosi violenti passioni ; quella

L 3 ga-
loading ...