Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 4) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-4]

Seite: 193
DOI Seite: 10.11588/diglit.28023#0201
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd4/0201
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
1? Imperio degl'Incas.
coasiderare come i Cinesi , avendo speeule
■da nn tempo immemorabile, non sapevano
comporre un aimanacco, non gettare arti-
glierie avendo la polvere di archibuso, po-
chissimo conoscevano di navigazione, con
Cutto che si vantassero di aver trovata ia
bussola gran tempo innanzi a noi, e come
da noi dovettero apprender 1’ arte di far so-
stegni in quei canali, con cui, per la co-
modità de’trafhci, tagliato aveaho il lor pae-
.se; se tutte queste cose vorremo conside-
rare da una banda, e se vorremo conside-
rare dall’altra come i Peruani, senza aver
cognizione delle scienze meccaniche ; nè
di macchina niuna, onde agevolare la ma-
nuale fatica, e senza nè meno aver Puso
del ferro, fecero opere, che per la difsi-
coltà grandezza e sontuosità loro non la ce-
dono alie opere de’Romani e degli stessi
Egizj (1); non so quale delle due nazioni,

de’

(1) Vedi 'Essais de Montaigne liv. 111. ch. 6,
des Coch.es .

Nella sortezza di Cozco ci erano pietre dl
più di 40. piedi di lunghezza trasportate di pae-
si assai lontani. Da Cozco a Tumipampa (,1a
To: IV. N " di-
loading ...