Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 4) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-4]

Seite: 213
DOI Seite: 10.11588/diglit.28023#0221
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd4/0221
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
FIORISCONO INSIEME .

2 I Z*

clie ai progressi dello spirito umano pre-
giudichi non meno il favore prodigalizzato
alle cattive opere, che la persecuzione ban-
dita contro alle buone. E quegli stessi prin-
cipi che sono veramente dotti, o per una
singolar ventura governati da’dotti, potran-
no bensi col proteggere gli studj tenergli
rivi, e nudrire gran copia di mediocri au-
tori, cosi appunto come fanno le accade-
mie ch’ eNondano ; rna gl’ingegni sovrani
non gli faranuo nascer mai. Quello che fa
operar maggiormente 1’ uomo è il dover
yincere di grandi difficoltà, il conslitto del-
la invidia e dell’amor di sè medesimo, la
vampa che alzano dentro da esso lui le piii
vive passioni ; non il premio che gli viene
da un soio ? ma 1’ applauso clella moltitudi-
ne . E non già allora che sarà protetto da
un re dispiegherà l’uomo con più di ener-
gia le facoltà dell’animo suo ; ma bensi al-
lora che nelle cose che imprende crederà
in certo modo di farsi esso medesimo re,
Si scorge in effetto, come i Neutoni i Ga-
lilei i Cartesj , quelli che sedettero o seg-
gono ancora maestri della moderna filoso-
ha sono anziani alle fondazioni, che a fa~

O 3

vor
loading ...