Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 4) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-4]

Seite: 216
DOI Seite: 10.11588/diglit.28023#0224
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd4/0224
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
£>. 11> SaGGIO PEPlCHe' I GRANDI IwGEGNl
gio della semplieità, parte essenzialissims
in qualunque sia sistema di cose; ed è fon
data sopra quel naturale principio, che as-
sai più della ragione yagliano gli esempj
appresso l’uomo, portato di sua natura alla
imitazione e alla gara . Potrebbesi sokanto
muovere una quaiclie instanza : se l’autori-
tà dello esempiio , bencìrè ella sia per sè
stessa di efsicacia grandissima, possa esser
presa per un principio valevole a scioglie-
re in ogm sua parte la proposta quistione j
se quello che accaduto è in Francia acead-
de similraente negli altri paesi ; e se me-
desimamente in Francia Fautorita del Com
nelio fu , o potè esser di quella estensio-
ne e di quella forza , che le attribuisce il
signor Racine .

Che la riuscita felice di un grande in-
gegno sia di grandissimo eccitamento agli
altri, che rivolti sono a’znedesixni studj,
non ci può esser dubbio : e sarà sempre di
maggiore ajuto ad altrui per ben fare lo
avere negli occhi le opere di chi è vera-
mente riuscito in un’ arte, che lo udire i
precetti di chi sillogizza, come vi si deb-
ba riuscire ; l’uno andando per vie lunghe

e dif-
loading ...