Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 4) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-4]

Seite: 223
DOI Seite: 10.11588/diglit.28023#0231
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd4/0231
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
FIORISCONO INSIEME . 22,3

syanirono dipoi del tutto alla nuova luce
di verità che appari sotto il cielo di Cam-
brigia. Che più ? non volea egli forse il
parlamento di Parigi sentenziare pochi an-
ni innanzi contro alla moderna filosoiia a
savor di Aristotele contro a5 circolatori; che
cosi chiamavansi coioro , che in sulie spe-
rienze dell’Arveo credevano la circolazione
del sangue; e fatto forse non 1’avrebbono
senza il decreto burlesco di Boileau , che
rivolse ogni cosa in celia ed in risoP

La iniluenza aduncpie, che può avere la
riuscita felice di un grande ingegno , è cir-
coscritta dentro alla sfera degli studj , che
sieno consimili a quello , in cui esso sia
divenuto eccellente, è di minore estensio-
ne che non pensa il signor, Piacine . E di
minore efhcacia similmente, se ben si con-
deri, si troverà essere l’autorità clel suo
esempio, in quanto che non in tutti i pae-
si potrà egualmente influire, che si faces-
se in Francia quella del Gornelio ; sicchè
Pautorità e ì’esempio di uno ingegno so~
vrano possa esser considerata come un prin-
cipio generale atto a sciogliere la presente
quistione.

la
loading ...