Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 4) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-4]

Seite: 229
DOI Seite: 10.11588/diglit.28023#0237
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd4/0237
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
FIORïSCANO INSIÉMÉ . Ù.2Q

E siccome negli stati uniti subito e ge-*
neraie è l’avanzamento delle lettere, cagio-
natovi dallo esempio di un grande ingegno
splendido per virtù ; il simile intervien©
per l’appunto , quanto allo scadimento del-
le medesime iettere, se in quegii stati ven-
ga a sorgere un qualche grande ingegno
splendido per vizj . Gosi nell’ un caso come
nell’altro

poca faviïlci grciii fiamma seconda .

Àd ognuno è noto, come ba'stè un Seneca
con quel suo zibetto, per cosi dire , ad aim
morbare ogni opera d’ingegno nell’imperio
romano : ed egli è già gran tempo, che si
dolgono in Francia , che ci è nato un al-
tro Seneca, da cui ne sono veauti i me-
desimi essetti. Negii stati uniti, oltre ch©
3a capitale dà in ogni cosa la voce al ri-
manente del paese, concorrono anche qui-
vi, o per imparare urbauità, o per fare in
più maniera fortuna, gli uomini delle pro-
vincie che si sentono più vivi, e quivi fer-
mano ia stanza ; e si essa diviene anche la
residenza dello ingegno , la ghiandola pi-
aeale , per cosi esprimersi, il zûserbatorio

P 3 degli
loading ...