Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 4) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-4]

Seite: 251
DOI Seite: 10.11588/diglit.28023#0259
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd4/0259
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
NJ5LLA VlRTU LEGISL » 2,51

lì Bodiuo arrivò a volere trovare nella
situazione fisica di Roma, nelio essere quel-
la città sabbricata sopra sette colline, la
ragione e il priucipio dei srequenti tuinul-
ti, delle sedizioni quasi che continue del
popolo romano . Le città situate, dic’ egli,
in ìuoghi diseguali debbono essere più sog-
gette a cambiamenti e a tmnuiti, che queL
ìe città non sono , le quali furon poste in
terreno p'ano ed eguale. E Fabate du Bos
pretende trovar ia causa della tanta diver-
sita , che si osserva tra la Roma antica e
ìa moderna } nella mutazione che si è fat-
ta per molti riguardi nel clima di quella
città. L’ aria, di buona ch’era altre volte,
e divenuta mal sana ; e ciò perchè le ac~
que non hanno più per le fogne quelio
sfogo , che altre volte aveano ; perchè ora
le paludi allagaao quel terreno , che già
sentiva ì’aratro ; perchè molte miniere di
zolfo di aliume e di arsenico sono novella-

mente

yjüpuv K'</3hv * sjc û'Wiv ( o Kvpos ) httoov irt zeei
rccv (puràv ret o'Trzppixry. , xuì ràv ocv^pcciroov oi
$ioi rui s yùpMs auvifyivoiùvrctt .

Plut. apophthegin. reguni ac imperatomm .
loading ...