Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 4) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-4]

Seite: 253
DOI Seite: 10.11588/diglit.28023#0261
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd4/0261
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
&ELLA VlR TU' LEGISL . s55

bono trovato un grande intendimento sotto
a quello , che per ischerzo disse un tratto
Micheiagnolo : che se nulla avea di huono
nello ingegno, era venuto dallo esser nato
nella sottilità delFaria del paese di Arez-
zo, e aver tirato dal latte della sua balia,
ch'era iigliuola e moglie di scarpellini, gli
scarpelli e il mazzuolo con che e’faceya le
Êgure (1).

Ma niuno ci fu maggior partigiano delle
cause sisiche, quanto sillustre Montesquieu,
secondo cui l’imperio del clima è il mag-
giore di tutti gl'imperj. Esso è il perno , su
cui girano gli stati ; da esso deriyano , co-
me da fonte , tutti gli ordini ciyili politici
religiosi e militari, come egli ha tentato di
mostrare nel celebre suo spirito cleile leggii
ïntantochè fu detto , che come il Malle-
branche vedeva ogni cosa in Dio , cosi il
Montesquieu vedeva ogni cosa nel clima ,

II Segretario fiorentino , che prima d’
ogni altro considerò le ragioni della gran-
dezza e dello scadimento degii stati, vuo-

le

O) Vedi Yasari -e Coridini vita di Michela-
gnolo .
loading ...