Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 4) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-4]

Seite: 264
DOI Seite: 10.11588/diglit.28023#0272
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd4/0272
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
264 Saggio sopra l’infl. del Clima
mente risorgerebbono tra Joro gli Scipiom
ed i Cesari, se ajutati venissero dalla for*
ma della legislazione . La qual loro natura-
le abitudine si è per tauti secoli manife-
stata abbastanza nella finezza e prosondità
della loro politicay cne gli faceva aver par-
te negii affari tutti che‘ insorgevano tra’
principi di Europa, e gH rese u'n’altra vol-
ta padroni del mondo : talmente che su
detto da un grandissimo ingegno :

Rome, dont le destin dans la paix dans la
guerre

Est d' étre en tous les tems maitresse de la
terre .

Dove al contrario chi potrebbe mai cre-
dere ; che i Cesari o i Demosteni venisse-
ro mai a sorgere tra i Lapponi o tra i Ne«
gri, quando anche i legisiatori di quelle
nazioni fossero un Platóne od un Locke ?
]\TeIia pigrizia de’campi settentrionali non
crescono i Lapponi . che alPaltezza di due
braccia, contrafsatti e sparuti ; sono già vec-
chj e vizzi in età di venti anni , e cosi
torpido hanno I’ingegnO' che sformata la
persona . E sotto la sferza del sole troppo

yicino'
loading ...