Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 4) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-4]

Seite: 275
DOI Seite: 10.11588/diglit.28023#0283
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd4/0283
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
NELLA VlRTü' L E G I S L. 2jS

io infiusso di queste ultime sia senza dub-
bio di maggiore efiicacia e virtù . Egli è
forse impossibile il determinare , quanta
parte nelle qualità o ne'costumi cli un da-
to popolo vi abbiano le une, e quanta par-
te le altre , la esatta proporzione in che
stanno fra loro, nel che consisterebbe la
vera scienza. Ma se in quistioni di tal na-
tura non sx può da noi porre un giusto
calcolo , dobbiamo esser contenti di poter-
ne formare un ragionevol giudizio «

andamerui dei nemici lo confermino ; nondi-
rneno S. M. in alcun modo non 'vuole , che
lo dehhano 'venire a comhattere .. E duhito ,
che cjuesta sua opinione non ahhia alcun
fondamento di ragione ; e che il troppo de-
siderare che così sia le faccia crederè , che
non possa essere altrimente . La cjual cre-
denza causa ancora , che no?i usi cjuella cu-
ra e dilige?iza in guardarsi che merita il
te?npo e la occasione - - - - - lo vedo c/ue-
sto campo con cjuel poco ordi?ie , che era
cjuando i nemici erano lontani ; nè a cjuesta
troppo sicurtd so dare altro nome che im-
prjidenza o temerità .

S 3
loading ...