Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 4) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-4]

Seite: 286
DOI Seite: 10.11588/diglit.28023#0294
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd4/0294
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
^86 Saggio s o p r. a

Homani non erano cosa insolita ie accuse
di superstizione forestiera, o come nel vol-
gare del Davanzati si esprime Tacito, di
eresia (i): la proìbizione de’libri non è tro-
vato moderno ; nè già anticaniente fu una
pura idea di Platone, che sbandi dalla sua
repubblica come scandalosi i poemidiOme-
ro. I versi del poeta Archiloco furono proi-
biti a Sparta (2). Leggesi nelle istorie 7 co*
me Augusto in sullo esempio deTnaggiori
ordinasse, che certe scritture fossero tra
tanti giorni portate al pretore , vietando il
tenerle ai privati (5). E il libro di Egesia

co-

(1) Et Pomponia Grœcina insignis fœmina . . .

„ . . superstitionis externce rea mariti judicio
permissa .

Tacit. annal. lib. XIII.

(2) Dacier nota i3. all’oda "VI. del Lib. V,
di Orazio .

(3) Simul commonefecit (Tiberius), cjuia
multa vana sub nomine celebri vulgabantur,
sanxisse ylugustinn cjuem intra diem ad prce-
torerrx urbanum deferrentur, necjue habere pri-
'vatim iiceret. Quod a majoribus tjuocjue de-
cretum erat etc.

Id. ann. lib. VL
loading ...