Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 4) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-4]

Seite: 302
DOI Seite: 10.11588/diglit.28023#0310
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd4/0310
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
5 03 S A G G I 0 SOPRA

ya del male, che può causare agli stati la
religione, alcun grave disordine da essa
nato : lo avere Nicia, atterrito da un eclis-
si deiia luna e dalle minacce degTindovi»
ni, so.speso presso a Siracusa ia marcia,
onde venne a perdere sè stesso e TesSrci-
îo, e a porre ii più tragico fme alia espe*-
dizione di Sicilia : ovvero come , avendo
gli Ateniesi fatto crudelmente morire i lo-
ro ammii'agli, che vinsero contro agli Spar-
tani la celebre giornata deiie Arginuse,
perchè aveano inseguito il nemico , e non
badato a raccogiiere i ioro rnorti per dar
poi loro sepoltura,; avvenne quaiche anm
dipoi , che Cabria altro Ammiraglio Ate-
niese , vinta contro ai medesiini Spartani
la giornata di Nasso , perdè ii frutto della
vittoria, per aver badato a raccogliere i
morti , nè tolse, come avria potutc fare ,
di mano a’nemici lo imperio del mare «
Alle quali obbiezioni trovasi ia risposta bel-
la e fatta negli antichi storici , senza do-
ver cercare più là. L’uno disordine ven-
ne per colpa del capitano , s altro della
democrazia in Atene , come asseriscono
«spressamente Diodoro Siculo e Plutar-

C Q
loading ...