Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 4) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-4]

Seite: 318
DOI Seite: 10.11588/diglit.28023#0326
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd4/0326
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
-3iS

te , di qual pregio egli possa essere . Mio
principale intendimento fu di rimettere di-
nanzi agli occhi degV Itaiiani le antiche arti
loro , per le quali erano grandi un tempo ,
ed uguagliavano il loro imperio col mare. E
perchè pochissimi sono tra noi quelli , che
avendo il potere in mano dietio qualche par-
te del tempo alla lettura dei libri ; ho credu-
to dover singolarmente studiare in questa
operetta la hrevitci , acciocche dalla piccio-
lezza del volume fossero invitati a legger
quello, che gli avrehbe forse atterriti pre-
sentato loro sotto mole maggiore. Vorrci che
în me fosse V eloquenza e lo stile di quel lo-
ro maggior Toscano, che diede opera anch’
esso al commercio; per essere di una qual-
che utilità a questa nostra bella contrada ,
che, signora altre volte e maestra del mon-
clo , si giace ora divisa in se medesima, ecl
è per propria sua colpa bisognosa clegli aju-
ti e delle arti forestiere .

Pisa xo. Aprile lyGS*
loading ...