Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 4) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-4]

Seite: 331
DOI Seite: 10.11588/diglit.28023#0339
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd4/0339
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
3 L COMMERCIO. 331

ropa ha bisogno dell’argento deH’America
per fare il trassico dell’Asia. I negri dell’
Africa sono necessarj alla coltivazione dell’
America , non meno che a’snoi bisogni le
sieno necessarie le manifatture di Europa.
II commercio è ora sorgente di guerra, e
base di trattati di pace ; è forse il più va-
lido mezzo per ottenere il dominio , o il
più possente contrappeso per mantenere 1'
equilibrio di Etiropa: e i più de’nostri con-
sigli politici sono ora temistoclei.

Cicerone non voleva, che il medesimo
popolo fosse imperadore a un tempo, e
barcajuolo del mondo (1); quasi egli stimas-
se , che insieme cogli studj del trafhco al-
lignar non potesse la gloria delle armi.
Dove egli per avventura non fece conside-
razione , come quelli che sono i più ric-
chi meglio ancora sanno difendere le loro
ricchezze ; e quellt che più conoscono il

va-

(i) Nola enim , eundenn populum impera-
torem , et portitorem esse terrarum : optimum
autem et in privatis familiis , et in republica
vectigal duco esse parsimoniam .

Cic, derep. lib. IV- apud Nonium in Portitor.
loading ...