Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 4) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-4]

Seite: 339
DOI Seite: 10.11588/diglit.28023#0347
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd4/0347
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
S o P R A

I L GARTESI O-

404

Jn tutte le contrade di Eurcpa surseto neF
le arti e neile scienze alcuni ingegni soyra-
ni, che dagli uomini di iettere di ciascuna
contrada vengono posti come aiia testa del-
ia propria nazione. Tennero appresso i Gre*
ci e tengono tuttavia ii campo Omero e
Platone, conle Gicerone e Yirgiiio appres»
so i Romani. Gl’Ingiesi si recano a gioria
di seguir le bandiere dei Miltono e del
Neutono ; gi’Itaiiani di Bante e del Gali-
lei ; e i Francesi vantano sopra tutti i gran-
di ingegni, de’quali fu feconda la loro na-
zione, Gorneiio, e massimamente il Carte-
sio. Non ci è uomo di qualche dottrina, che
non sappia, in quale altissimo onore sia te-
nuto in Francia quei filosofo : e quantun-
que egli non domini presentemente, come
faceva per i’addietro, neile scuoiej pare
nondimeno, che conservi ancora neile men-

Y 2 ti
loading ...