Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 4) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-4]

Seite: 340
DOI Seite: 10.11588/diglit.28023#0348
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd4/0348
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
'Z^o S A G G I O S Ô P Pl A

ti de’suoi compatrioti un’ autorità eguale
allo splendore del passato suo regno . A lui
dicono essere stata riserbata ia gloria di pur-
gare la filosofia dalle yane quistioni scola-
stiché , e cli trarla fuori daila coofusio-»
ne e dalle tenebre ov’ era involta ; lui di«
cono averci mostrato il vero metodo di
ragionare ,, rese chiare e distinte le nostre
idee ; in somma avere totalmente per es-
so lui cangiato saccia. il mondo fiiosofico ,
Talchè al Gartesio si vuoi sapere grado- s@
presentemente ia chimica non va perduta
dietro alîa ricerca dei lams, se la medici-
na più non si regola per punti di luna, se
1’astrologia non è più ai di d’oggi chiama-
ta a consiglio ne’gabinetti dei principi. Lui
predicano conie uu nuovo padre della geo?
metria; e vogliono, che, mediante quelio
spirito geometrico da esso lui nelle menti
degii uomini difsuso, si riducesse alia per-
fezion sua ogni arte , ogni genere di dottri-
îia: e finalmente aggiungono, che anche
deììe verita scoperte in questi ultimi tem-
pi ne siamo in buona parte debitori a quel
lume, che pur traluce negli stessi suoi er-
rori: esagerazioni clell’ amor nazionale, che
loading ...