Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 4) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-4]

Seite: 343
DOI Seite: 10.11588/diglit.28023#0351
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd4/0351
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
I L CaRTESIQ* 043

eavate in ogni loro parte dai dialoghi di
Platone, nei quali Socrate è introdotto a
parlare. E se giusta alle medesime regole
non avessero indirizzato il ragionare Aristo-
tele ed Ippocrate, già non sarebbono tuttavia
opere classiche , come pur sono , i libri de
governi della rettorica della poetica e della
etica deii’uno, e gli aforismi dell'altro.

Che se in alcune particolari quistioni del-
!a hsica errarono gli antichi, ciò avvenne
non tanto per difetto che avessero del buou
metodo di pensare o di logica, ma per di-

fetto

mel cjuidem ab illis toto vitae meae tempore
deflectere .

Primmn erat, ut nihil uncjuam veluti ve~
rum admitterem nisi cjuod certo et evidenter
verum esse cognoscerem t hoc est, ut omnem
praecipitantiam atcjue anticipationem in judi-
cando diligentissime vitarem ; nihilque am~
plius conclusione complecterer, quam quod
tam clare et distincte rationi meae pateret ,
ut nullo modo in duhium possem revocare.

^dlterum , ut disficultates quas essem exa-
rninaturus , in tot partes dividerem, quot ex~
pediret ad illàs commodius resolvendas .

Tertiurn, ut cogitationes omnes, quas ve~
Y 4 ritati
loading ...