Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 4) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-4]

Seite: 351
DOI Seite: 10.11588/diglit.28023#0359
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd4/0359
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
i L Cartesio, 351

sriente Tuno di essere pur lontaiio dal po-
ter mettere insieme un sistema col piccio-
lo nuinero di verità che aveva in capitale ,
Faltro non voleva, che niuna cosa fosse in
sè tanta astrusa, che ii suo ingegno non va-
lesse a distralciarla (1): e la maggiose dif-
fìcoltà, che in ciò fare egli trovasse, era
di trascegliere il piu conveniente tra tutti
i modi, onde da’suoi principj la spiegazio-
ne deducevasi della medesima cosa (2).

Qual fìne sacessero i sistemi, o vogliam
dire le ipotesi di questo cotanto animoso

filo-

(1) Deinde animo revolvens omnia obje-
cta, cjuce unquam sensibus meis occurrerunt,
dicere non verebor, me nihil in iis observas-
se , quod satis commode per inventa a me
principia explicare non possem.

In dissertatione de methodo.

(2) Sed confiteri me etiam oportet, poten-
tiam naturæ esse adeo amplam , ut nullum
fere amplius particularem esfectum observem,
ejtiem stati/n vciriis modis ex iis principiis
dedtici posse non agnoscam ; nihilcjue orcli-
nario mihi disficilius videri, quam invenire
quo ex his modis inde dependet.

In dissertatione de methodo ,
loading ...