Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 4) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-4]

Seite: 393
DOI Seite: 10.11588/diglit.28023#0401
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd4/0401
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
ïl Cartesio. 5g3
coiio spiegare ogni cosa (1), ed egli ammet-
te come materiale del sapere, dice un acu»
to scrittore ingiese, un certo sentimento
interiore di evidenza, il quale potrebbe as-
sai volte non altro signiJficare che quella
evidenza apparente, per cui le nozioni e F
opinioni entrano nella mente di un uomo,
senza essere accompagnate con la medesi-
rna evidenza, nè ricevute nella medesima
maniera nella mente di un altr’uomo: e
in tal caso il sentimento interiore del Car-
tesio non è altra cosa , che queila forte per-
suasione, per cui un fanatico immagina di
vedere e non vede, di udire e non ode,
di conoscere e non conosce (a). Faceva le

ma

(1) S' il a fini par croire tout explicjuer, il
a du commencer par douter de tout.

Discours préliminaire de l’encyclopédie .

(2) Eesides clear and distinct ideas , he
admits a certain inward sentiment of clear-
ness and evidence. The word sentiment îs
applied in the french language so varioiisly
and so confusedly, that it becomes often ecjui-
vocal. But since ît is distinguished, on this
occasion from idea, it must be meant either

to
loading ...