Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 4) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-4]

Seite: 402
DOI Seite: 10.11588/diglit.28023#0410
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd4/0410
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
4o2 Saggio s o p r a

si legge del tanto decantato Cartesio : e fot-
se accresce di molto la venerazione il co-
noscere poco quegFidoli, che si sono pre-
si a vexierare.

Non è per tutto questo, che da noi si
Foglia gettare alcuna onibra sul chiarissimo
nome di quel filosofo. Si dovrà sempre ave-
re in grande ammirazione il Cartesio. per
quel vastissimo suo ingegno, che dietro si
trasse una cosi numerosa scuola ; per aver
lui di tanto ampliato i confini dell’ algebra,
e singolarmente per 1’applicazione ch’ei ne
sece alla geometria ; e con tutte le sue
macchie} si avrà pur da riguardare come
uno de’Iuminari del mondo filosofico. Di
maestrevoli tocchi d’ingegno sono sparsi per
tutti gii scritti di lui ; e la dissertazione
del rnetodo} 'non ostante alcune picciole ec-
cezioni, è un capo d’opera, e quasi 1 oc-
chiata di un’aqnila sopra le disferenti pro
vincie del mondo scientifìco. Che se la più
parte non converranno, ch’ egli sia stato il
confidente della natura , che abbia insegna-
to agli uomini a pensare (i), e che quelh

or-

(1) Tel fut V ètat des m a tk êmaticj u es , et

sur
loading ...