Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 4) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-4]

Seite: 412
DOI Seite: 10.11588/diglit.28023#0420
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd4/0420
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
4l2 S A G G 1 O

luogo, e di picciola condizione5 fü nondû
ineno allevato Orazio, come le più nobiii
persone, nel seno istesso di Roma . In luo»
go di farlo imparare di conto, come pare-
va più naturale a Venosa, secondo il co-
stume delle persone delia condizione sua,
lo condusse in Roma il medesimo suo pa-
dre, ed ivi gli fece studiare sotto Orbilio
la grammatica, poi la lingua greca, e queL
le facoltà di mano in raano, che a un d-
gliuolo di gran signore convenire potevano,
E per tale appunto lo avrebbe preso, dic5
egli medesimo, chi veduto avesse le vesti
che avea in dosso, e il treno di seryitori
che raccompagnavano (i).

Tro-

Qnintus Horatius Flaccus Henusinus, pa~
tre , ut ipse cjuidern tradit•, libertino , et exa-
ctionum coactore.

Suet. in vita Horati

(l) Non equiclem insector, delendacjue car-
mhia Livi

Esse reor, memini, cjuce plagosum mihi
parvo

Orbilium dictare .........

Epist. i. 1. II.

Eojnae
loading ...