Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 4) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-4]

Seite: 414
DOI Seite: 10.11588/diglit.28023#0422
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd4/0422
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
414 S A G G I o

Le idee , x concetti delle cose , che si ven-
gono formando in esso noi negli anni pri-
mi, sono la semente della felicità nostra
in avvenire , sono esse quasi altrettanti re-
goli, di che si serve dipoi la ragione nel-
lo ediiicare ; e se dritto non è il regolo ,
conviene per necessità, che fuor di misu-
ra sia lo edifizio .

La educazione che dava ad Orazio il
padre suo era tutta di pratica , e tale , che
quand’egli fosse venuto nel foro e nel con-
sorzio degli uomini, non gii fosse avviso
di essere trasferito , come succede ai più,
in un altro mondo . Gli veniva mostran-
do , secondo che cadeva il taglio, i difet-
ti e i vizj di questo e di quello , i veri
mali che ad esso ioro ne conseguivano ; lo
ammaestrava non tanto co’precetti, che at-
ta non è per ancora a idcevere quella età,
quanto cogli esempj , che sono il proprio
suo cibo (i).

Ma

(i) - - - i?isuevit jjater optimus hoc aie f
Zlt fugerem exemplis vitiorum cjucecjue
notando .

Qjiutii me hortaretur , parce , frugali-
ter , atc/ue V'ive-
loading ...