Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 4) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-4]

Seite: 420
DOI Seite: 10.11588/diglit.28023#0428
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd4/0428
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
4^0 S A Ó G I o

lonia da Ottavio , erede e sigliuolo adoO
tivo di Giulio Cesare , la morte del pa-
dre , tragittò tosto in Italia ad occupare la
paterna eredita . Invano ne domandava con-
to a Marcantonio , il quale impossessatosi
de’tesori e de’ricordi di Giulio Cesare ,
che subito dopo Ia morte di lui gli avea
dati in mano Calpurnia , noir dava ascol-
to , e si faceva befse di quel ragazzo, clie
senza ajuti o protezione di sorte alcuna ar-
divasi di venirlo a bravare in mezzo a’ suoi
Eoldatx sulla sua sedia curule.

Ottavio si accostò a Cicerone, clre già
scoprivasi a Marcantonio nemico ; io prese
dal suo debole ; disse , volere da esso lui
in tutto e per tutto dipendere , nrettersi
sotto I’ombra della eloquenza e della auto-
rità sua ; e intanto mandò a’veterani spar-
si iir varj luoghi d’ltalia, clie militato avea-
no sotto il padre suo ; promise ioro mari
e mondi, se ajutar lo volessero nella giu-
sta sua causa di vendicar la rnorte clel pa-
dre e la repubblica . Seppe cosi bene or~
dinare la tessuta trama, consigliato natu-
ralmente da M. Agrippa , clie Cesare gli
ayea messo a’fianchi sino dalla prima ado-

le-
loading ...