Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 4) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-4]

Seite: 423
DOI Seite: 10.11588/diglit.28023#0431
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd4/0431
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
s o p R A O a A z i o. 4a3

eisalpina, ad Ottavio l’Afsrica e la Sarde-
gna. La Italia non entrava nella divisione,
di cui dicevansi tutti e tre i triumviri, i
difensori, non i padroni. Fu preso inoltre,
che Marcantonio ed Ottavio passar doves-
sero colle legioni in Grecia a combattere
Cassio e Bruto, che intanto eransi in quel
paese tutto addetto alle parti pompejane
fatti amici moltissimi, messi insieme due
potentissimi eserciti j ed oltre a ciò erano
colle armate padroni del mare .

Bruto Jfigliuolo e ucciditore di Cesare,
stoico di setta, cupo per natura ed altie-
ro, uomo di gran fama e di dubbia virtù,
prima di mettersi in campagna avea voluto
tastare il paese e presentire gli animi. Avea
fatto qualche dimora in Atene, clove arro-
IÒ e condusse seco i hgliuoli de’pisincipali
casati diPiOma, ch’erano allora a studio in
Atene ; Orazio tra gli altri, il cui ingegno
gii dovette senza dubbio sommamente an-
dare a genioj ed alla età di soli anni ven-
titrè, senza che neila milizia avesse prima
fatto noyiziato di sorte alcuna, lo prepose
al comando di una legione, che a quel
D d 4 tem-
loading ...