Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 4) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-4]

Seite: 480
DOI Seite: 10.11588/diglit.28023#0488
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd4/0488
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
48o S a g ù i o

chiama , ed insegnamenti le epistole : e cio
seguendo i'uso dei bravi rnedici, che non
pensano a nutrire F ammalato di buoni ci-
bi, se prima non hanno smaltito dal cor-
po suo i mali umori : e giusta il metodo
di Socrate, che niuna dottrina insegnava
a’suoi discepoli, se non gli avea prima pre-
parati a riceverle, quasi I’lppocrate dell’ani-
ma (1). Tale pensiero non mancherà sen-
za dubbio di piacere a molti, ridendo seni-
pre alla nostra fantasia tutto ciò che in
qualunque modo è insieme coilegalo , e
tiene del sistematico ; ma non. so , se vi
si acquieleranno cosi agevolmente coloro ,
che più intimamente conoscono Orazio „
Benchè ia sua passion dominante fosse quel-
la di far versi e di scrivere ; ciò però vo-
leva egli fare , quando gliene veniva il ca-
priccio , non a vogiia di altrui nè di al-
cun disegno , ch’egli avesse da lungo tempo
meditato nel suo studio , come autore di
professione . Della qual cosa ne è ancora ,
mi pare una bastante riprova il vedere ,

come

(i) Remarques sur les tilres des Epitres.

T. IY. ed. in 4- d’Hambourg del igSS,
loading ...