Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 4) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-4]

Seite: 485
DOI Seite: 10.11588/diglit.28023#0493
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd4/0493
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
5 O P Pt A O R A Z I O . 4$^

iia e si travaglia nel far dritto il suo
solco .

Nelle satire medesime non è inyasato dal-
Ja bile di Giovenale, che mena lo stafsile
a due mani, e dove arriva leva le boile o
fa sangue: non afsetta la severità di Persio ?
che con viso arcigno ti predica sernpre mai
ia virtù: è un amabile filosofo, un Socrate
elegante, che dà una qualche sferzata , qua-
si non volendo, e di fuggita (1): insegna

scher-

(i) Cætera de genere hoc, adeo sunt multa.
locjuacem

Delassare valent Fabium i

Sat. i. hb. I.

- - - quiii etiam illud

Accidit, ut cirulam tesces , caudamque sa-
lacem

Demeteret ferrum: jure omnes : Galba ne~
gabat.

Sat. 2; ibid.

Deprendi miserum, est : Fabio vel judice
vincam .

Ibid.

- - - nunquid Pomponius istis

Audiret leviora, pater, si viveret?

Sat, 4. lib, I,

H h 3

u er-
loading ...