Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 4) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-4]

Seite: 507
DOI Seite: 10.11588/diglit.28023#0515
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd4/0515
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
SOFRA OrAZIO. 5oj

iasi deilo spiritoso Steeie , ii quale ebbe
tanta parte ne’ quattro celebri iibri perio-
dici , che uscirono al terapo suo in Lon~
dra , F Inglese il Tutore lo Spettatore e il
Ciarliere, che il giorno stesso , che entrò
da priraa nel Parlaraento , entrò anche in
frega di brillare per ìa eloquenza . Tratta-
vasi quel di tina materia , di cui egli noii
bene era inforinato . Sopra di che clisse ar-
gutamente inilacly Montaigu , che per po-
co che si fosse col suo tutore consigliato
P inglese avria imparato , che pur dovea lo
spettatore aver la mano dal ciarliere : ch’ è
conforme a quanto asseriva quelP aatico

filo-

Quo sit amore parens , rjuo frater amati-
dus , et hospes ,

Qiiod sit conscripti , rjuod judicis officiimi,
cjuae

Partes in bellum missi ducis : ille profecto

Reddere personae scit convenientia cuicjue.

In art. poet,

e piii indietro :

------ cui lecta potenter erit res,

Wec facundia deseret hunc , nec lucidus
ordo .
loading ...