Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 4) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-4]

Seite: 554
DOI Seite: 10.11588/diglit.28023#0562
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd4/0562
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
554 S A G G I O *

siderati grinconyenienti quelle del divenir
mogli, e questi autori, le une vanno a
marito, e gli altri in istampa,

Tale a un dipresso fu Orazio, non sen-
za un qualche neo spamo qua e là nella
bella sua persona (1) : tale si ravvisa da’
suoi scritti e vive ancora fra noi quel poe-
ta , che spirato da quel nobile orgoglio 9
che della virti'i è compagno (z) , predisse,
che non saria morto tutto intero ; che col
venir degli anni ringiovenita sempre più

sa-

(1) j4tcjui si vitiis mediocribus , ac mea paucis
Mendosa est natura , alioqui recta (velut si
Egregio inspersos reprehendas corpore nce-
vos )

Si neque avaritiam , neque sordes , ac
mala lustra

Objiciet vere quisquam inihi : purus , et
insons

( Ut me collaudem ) , si vivo et charus a-
micis ;

Causa fuit pater his etc.

Sat. 6. Kb. I.

(a) - - - - sume superbiam
Qiiaesitam meritis .

Od. 3o. lib. III.
loading ...