Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 5) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-5]

Seite: 13
DOI Seite: 10.11588/diglit.28024#0021
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd5/0021
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
Militaki. * i 3

po’di spasso? Già non è πιιολγο , che i prin-
cipi entrino in simili fantasie, anche con
coloro che pare stimino il più. Potrete tra
le altre aver letto ciô che intravvenne al
Meibomio e al Naudeo con la regina Cri-
stina, con quella Minerva del norte - Pia-
cque un tratto alla Maestà sua, che Tuno
di essi, perchè avea composto un libro del-
la musica dei greci, dovesse cantar ia zol-
fa in presenza di tutta la corte ; e Γ altro
far capriole, perchà sulîa danza avea scrit-
io degli antichi (i). Egli era almeno da
aspettarsi a più di un motto, che contro
al Segretario, il quale senza divisa in dos-
so avanzavasi a far del militare, lanciato
avriano le persone del mestiero : e ogni
minimo sgarro che avessero fatto i soldati,
levato sarebbesi, non ha dubbio, un riso
inestinguibile contro al dottor del campo

In somma io confesso, che son d'’opinio-
ne, che molto profitto trarre si possa dai
iibro , che ha composto il Segretario sopra
l’arte mintare ; e ciô perchè non minore

stu-

(i) Memoires concernant Christine reine d©
Svede T. I. p. 241· , e 2A2.
loading ...