Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 5) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-5]

Seite: 16
DOI Seite: 10.11588/diglit.28024#0024
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd5/0024
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
i 6 O P E R E

îo prosessione ; trattar gli convenne delFar-
te della guerra. E ciô tanto maggiormen-
te , che sovvertito era in Italia a’suoi tem-
pi e corrotto ogni buon ordine della mili-
zia . Delle fanterie poco o niun conto sace-
vasi : quasi tutta la nostra soidatesca era a
cavailo : e sopra tutto atterriti erano gli ani-
ini al grandissimo traino di artiglieria, che
ali’ impresa di Napoli seco condusse Car-
lo VIII. re di Francia. Talchè credevasi 7
che in sulie artiglierie principalmente a n-

/72 C'-

durre si avesse ia guerra. La j&aiizia in ol-
tre dei principi itaiiani era tutta mercena-
ria, non propria, disordinata e licenziosa*
vuota di valore e piena d’orgoglio ; e tale,
che quei condottieri d arini, che andavano
a'servigi ora di questo principe ora di quel-
lo . dir potevano ii contrario di Gossredo,
ià dove e’ dice

Guerèggio in Asia, e non vi cambio o merco .

Per levar via a sè ed a’ soidats la fatica e
la paura , usavano ogni industria , non s’ara-
mazzando nelle zusfe, ma pigliandosi pri*
gioni e senza taglia : non sacevano intorno
al campo nè ste.ccato nè fossa : non traeva-

no
loading ...